Come prendersi cura di noi stessi in modo naturale e consapevole, senza ingredienti chimici dannosi che usiamo ogni giorno senza saperlo.

Primo gennaio 2009: conto alla rovescia per l'invasione degli Ogm











Scritto da Guido Petrangeli
Domenica 28 Dicembre 2008




Fonte: iniziativa.info

Sotto l’obelisco di piazza Montecitorio, davanti al Parlamento, un manipolo di agguerriti attivisti ha sfidato una gelida Roma per manifestare contro il Regolamento Europeo 834/2007. Alla base della protesta la nuova direttiva europea sull’Agricoltura Biologica che, dal 1 gennaio del 2009, giorno in cui entrerà in vigore, permetterà l’introduzione senza etichettatura di Ogm (per una percentuale del 0,9%) nei prodotti convenzionali e in quelli biologici.

A guidare i volontari delle varie associazioni, accorsi ieri (27 dicembre ndr) per manifestare “Uniti contro gli Ogm”, sono scesi in campo i leader della confederazione di associazioni European Consumers.

I manifestanti hanno cercato per tutta la durata del sit in di coinvolgere i parlamentari per un confronto su una tematica, la “protezione” dei prodotti agricoli italiani biologici, strategica per il destino del nostro paese.

Marco Tiberti, organizzatore del corteo “Uniti contro gli Ogm” e da tempo promotore di iniziative finalizzate a sensibilizzare l’opinione pubblica sui rischi derivanti da alimenti geneticamente modificati, ha preso più volte la parola per lanciare un forte messaggio a chi si troverà a ratificare il Regolamento 834/2007.

“Mentre qualcuno annuncia – ha dichiarato Tiberti - l’avvento di un pomodoro Ogm per prevenire il tumore, il Consorzio Internazionale Universitario Cerifos ha segnalato al Ministero della Salute la presenza di Dna di malattie come Leucemie e Linfomi nei Virus Promoters 35 S e V 40, inseriti negli Ogm”.

Marco Tiberti ha spiegato come il nuovo Regolamento sull’Agricoltura Biologica, di fatto, oscurerà una corretta informazione sui prodotti agroalimentari che finiranno sulle nostre tavole: “Il Regolamento Europeo dal primo gennaio 2009, tramite il cavillo della soglia di tolleranza dello 0,9 %, permetterà alle multinazionali di non etichettare prodotti contenenti Organismi geneticamente modificati. Grazie a questo cavillo di *****, il passo per l’invasione barbarica degli Ogm in Europa sarà veramente breve”.

Un invito ai nostri parlamentari, nel riconsiderare il Regolamento Europeo 834/2007, è stato fatto anche da Emiliano Varanini, legale di European Consumers. Varanini ha preso più volte la parola per chiedere quella prova che fino ad esso nessuno è riuscito a fornire: ovvero che gli Ogm non siano dannosi per il nostro organismo.

“La prova che gli Ogm non facciano male – ha affermato Varanini - non è mai esistita e mai esiterà. Noi chiediamo allora, ai nostri politici che ancora possono ancora modificare il regolamento europeo, di non condannarci, dal primo gennaio 2009, a mangiare un piatto di spaghetti dove la pasta è fatta con il Dna di ranocchio e il sugo di pomodoro con il Dna di squalo”.

Fonte: iniziativa.info

Questa nuova legge uccide l'agricoltura biologica e permette agli organismi geneticamente modificati di duplicarsi in mezzo agli organismi non modificati e soppiantare tutte le piante naturali e non modificate artificialmente, dando inizio alla sicura fine della presenza e vita di piante naturali nel mondo intero .

Immaginate solo di andare a comprare alimenti e cosmetici certificati biologici e non avere nessuna dicitura sulla confezione che attesti la presenza di organismi geneticamente modificati nel prodotto in quanto la legge permette di NON SEGNALARE necessariamente la presenza di OGM nel prodotto finito.

Ci stanno prendendo come un branco di pecorelle da prendere in giro da una parte all'altra! E ora di cambiare e non permettere alla legge di entrare in vigore! Diffondiamo quest'ultima notizia tra i blog di tutta italia!

3 commenti:

Paola ha detto...

Non ho parole.... stiamo riducendo questa unica Terra in cui viviamo peggio di un cassonetto dell'immondizia!!!

PS- Posto questo tuo post sul mio blog, ovviamente metto i riferimenti, così cerco di fare un passaparola

Peach ha detto...

bel blog!!
ho iniziato a far parte del mondo ecobio da qualche mese e piano piano sto convertendo il mio fidanzato a fare lo stesso, gli farò sicuramente leggere questo blog!
ho appena aperto il mio blog, sicuramente anche io posterò le mie migliori ricette fai-da-te...
p.s.: sono sarda anche io, sono di cagliari!

Sardinianguy ha detto...

Piacere che sei di cagliari! Passa a seguire il blog, ci conto:) se scrivi ricette fai un fischio che passo a dare un occhiata! saluti